Il territorio dei Colli Euganei si aggiudica il Premio Vinarius

L’aerale del Parco Regionale dei Colli Euganei si è aggiudicato il 7° Premio Vinarius al Territorio, attribuito in occasione della presentazione della guida Vinibuoni d’Italia al Merano Wine Festival.

Il premio, attribuito dall’Associazione Enoteche Italiane, premia un particolare ambito geografico in virtù della sua vocazione vitivinicola, del suo paniere agroalimentare, dello sviluppo sostenibile, della tradizione, della storia e della sua accoglienza turistica.

 

Valorizzazione del territorio

Con questo riconoscimento, Vinarius rinnova anche quest’anno il suo impegno nella promozione e nella valorizzazione del patrimonio paesaggistico ed enogastronomico italiano. Il presidente Andrea Terraneo ha motivato così la scelta di premiare il territorio euganeo:

“Le élites del passato, da Francesco Petrarca ai vescovi, ai nobili veneziani, ne avevano già apprezzato la dolcezza delle colline, la qualità dei prodotti agricoli, la salubrità delle terme del primo parco del Veneto. Le nuove generazioni hanno saputo proiettare in ambito nazionale ed internazionale una produzione vitivinicola già di pregio grazie alle caratteristiche vulcaniche del suolo e sottosuolo, accompagnandola con le storiche eccellenze dell’enogastronomia, dell’ambiente e del benessere, a testimonianza della unicità di questo territorio”.

L’annuncio è però solo l’inizio: il Premio al Territorio prevederà nei prossimi mesi un viaggio studio delle Enoteche Vinarius nel territorio premiato e la degustazione in contemporanea in tutte le enoteche dell’Associazione.

 

L’attività di Vinarius

Vinarius è l’associazione delle enoteche italiane che, ad oggi, conta un centinaio di locali sul territorio nazionale e una decina in tutto il mondo, impegnati nella promozione della cultura del vino italiano. L’associazione, nata nel 1981, si occupa in concreto della formazione dell’enotecario, dei suoi collaboratori e dipendenti, degli aggiornamenti professionali, individuando e ponendo in essere tutta una serie di attività che vanno dall’organizzazione di viaggi studio a stage di approfondimento nei vari luoghi di produzione, partecipando attivamente a convegni, mostre, fiere, manifestazioni di vario genere.

Data la rilevanza che Vinarius da sempre riveste non solo nella formazione dell’enotecario, ma nella creazione stessa di una cultura enoica, non è un caso che l’occasione per rivelare il territorio vincitore sia avvenuta proprio durante la premiazione di Andrea Terraneo e della sua Associazione che Vinibuoni d’Italia ha riconosciuto come “luogo imprescindibile della diffusione e della cultura del vino“.

Articoli correlati

Il tonno? La conserva ittica più consumata Il tonno da noi     Quanti di noi amano mangiare il tonno? Tuttavia, quanto ne sappiamo veramente di questo pesce pelagico? Secondo un recente studio infatti, il primo posto per la sua consumazione è occupato dall’Italia, del resto che siamo di ‘...
Villa dei Vescovi: degustando e visitando si incon... Visite in Villa e Degustazioni in Enoteca     Un'agenda, quella degli incontri con i produttori a Villa dei Vescovi di Luvigliano di Torreglia, che ha registrato la prima data a marzo di quest'anno e che ne vede in programma fino al 26 ottobre. Gli ...
Torna Vulcanei: i vini migliori dalle aree vulcani...   Da sabato 12 a domenica 14 maggio si terrà al Castello di Lispida a Monselice (PD) la terza edizione di Vulcanei. Organizzato dal Consorzio Vini Colli Euganei in collaborazione con la Strada del Vino dei Colli Euganei, il Consorzio Terme Euganee e Loviv...
Cantine aperte a Natale sui Colli Euganei, tra deg... Nel mese di dicembre torna il tradizionale appuntamento invernale con le cantine aderenti al Movimento Turismo del Vino che apriranno le porte ai tanti appassionati, offrendo degustazioni di vini e prodotti tipici e intrattenimenti. Un'occasione per assaggiare bo...
Offerte AbanoRitz