“Questo albergo è una casa”: 50 anni di architettura familiare in mostra all’AbanoRITZ

Venerdì 31 marzo, alle 18:30, l’hotel AbanoRITZ inaugura la mostra “Questo albergo è una casa“, a cura di Sara Pedron e Marco Stecca. La mostra rientra tra le iniziative per i 50 anni di attività dell’hotel e intende celebrarne l’evoluzione raccontando, di pari passo, l’evoluzione architettonica dell’edificio e la sua storia generazionale attraverso i legami familiari che l’hanno animato.

Allestita nella sala televisione al piano terra, sarà visitabile per un anno intero, fino a marzo 2018.  L’inaugurazione, prevista per le 18:30, si concluderà con un aperitivo offerto a tutti i partecipanti; per chi vorrà, alle 21:15 ci sarà la possibilità di assistere gratuitamente al concerto del pianista Octavian Corneliu Arion, “Atmosfere Russe“.  La mostra e i concerti puntano a identificarsi come occasioni culturali di interesse per un pubblico più vasto e trasversale; in questo senso, vogliono essere un’occasione per aprirsi alla cittadinanza e al territorio, a cui l’hotel è indissolubilmente legato.

 

La mostra

Questo albergo è una casa” vuole raccontare i 50 anni dell’hotel AbanoRITZ dal 1967 ad oggi attraverso una storia ricostruita sfogliando vecchie pagine di appunti, studiando disegni e progetti architettonici, ascoltando solide e affettuose testimonianze. Addentrarsi in una dimensione come quella dell’hotel AbanoRITZ, farsi coinvolgere dalle sue dinamiche, porta inevitabilmente a riflettere non solo “sull’hotel”, ma sui valori che fin dalle origini ne hanno guidato la gestione.

Si dispiega così, lungo i due pannelli, una doppia narrazione parallela: l’una sull’hotel AbanoRITZ, che emerge con progetti, prospetti e sezioni, bozze e schizzi, disegni e prospettive originali riportati alla luce a partire dal 1965, una stratificazione evolutiva eterogenea che rivela l’attenzione e la cura del dettaglio che muta con lo scorrere del tempo; l’altra, in quadreria, incornicia le allegorie dei valori dell’hotel AbanoRITZ: la familiarità, il conforto, l’accoglienza che affiorano dalle fotografie in bianco e nero dei primi anni Sessanta, per 50 anni, fino ad oggi.

La narrazione apre una riflessione trasversale più ampia sull’hotel AbanoRITZ e si estende ai concetti di luogo e non-luogo, dell’abitare, delle relazioni che si intrecciano con lo spazio e lo trasformano; si parla insomma di “casa”, nell’accezione di luogo dell’appartenenza e della cura.

Nel corso dei prossimi mesi, sono previsti alcuni momenti di approfondimento e discussione sui temi cari ai curatori e alla direzione, che verranno affrontati a partire dal punto di vista di diverse discipline, in un confronto virtuoso che metterà in relazione diverse prospettive sul medesimo argomento riprendendo la dicotomia passato-presente.

 

Il concerto

Il concerto “Atmosfere Russe” è dedicato alle immortali pagine pianistiche della grande scuola russa, che verranno ripercorse attraverso le musiche di Skrjabin, Prokof’ev e Rachmaninov, eseguite dal pianista Octavian Corneliu Arion. Il concerto sarà arricchito da un secondo pianoforte, suonato da Cristina Iorillo, per un “Russian medley” di grande effetto. Per la presenza eccezionale di due pianoforti, il concerto si terrà nella hall e non nella tradizionale Sala degli Specchi.

È il terzo appuntamento dell’anno del festival “The Colors of Music in the World“, realizzato in collaborazione con l’Associazione KlyoMusic. Ogni ultimo venerdì del mese, infatti, la splendida Sala degli Specchi risuona delle musiche provenienti da diverse parti del mondo, un ideale omaggio a tutti gli ospiti internazionali che, nel corso di 50 anni, hanno arricchito la storia dell’AbanoRITZ. Il linguaggio universale della musica riunisce anche oggi gli ospiti dell’hotel e il pubblico esterno in un incontro emozionante e senza barriere.

 

[button link=”http://blog.abanoritz.it/wp-content/uploads/2017/04/foglio-sala-definitivo-ita.pdf”] Scarica qui il foglio di sala[/button]

3 Comments

  1. AvatarSandra Sguotti

    Buongiorno!
    Spero di esserci! L’evento ha un buon”profumo”:arte, storia, architettura, musica… magia x le mie orecchie, i miei sensi.
    Forse ho perso qualcosa di interessante nei precedenti appuntamenti!

    1. abanoritzabanoritz

      Buongiorno Sandra!
      Siamo felici di essere riusciti a comunicarle queste sensazioni! La aspettiamo con gioia, se vorrà farci compagnia all’inaugurazione di venerdì… Così come ai prossimi eventi dell’AbanoRITZ!
      A presto!

Offerte AbanoRitz