Mercoledì 29 novembre, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova e l’Associazione Nairi Onlus presentano lo spettacolo teatrale “Intervista immaginaria tra Matilde Serao e Hrant – 1980“. Lo spettacolo si terrà presso la Sala Carmeli alle ore 21:00 e rientra all’interno del Dessaran Festival, la settimana della cultura armena.

La partecipazione è gratuita, fino a esaurimento posti. Per prenotarsi, è necessario inviare una mail a info@nairionlus.org.

 

Lo spettacolo

L'”intervista immaginaria” è un concerto-lettura di e con Claudio Di Palma e con

  • Annalisa Madonna – voce
  • Massimiliano Sacchi – clarini
  • Gianluca Rovinello – arpa

da un’idea di Antonia Arslan e con la consulenza letteraria di Donatella Trotta

La drammaturgia di Antonia Arslan si concentra sulla fgura di Matilde Serao immaginando un ipotetico, impossibile incontro tra la scrittrice greco-partenopea e Melkon Gurgian, scrittore e insegnante armeno suo contemporaneo. Gurgian, nella messa in scena, rievoca quest’incontro mai avvenuto; nella sua mente si determinano parole forse solo immaginate, oppure lette o dedotte dalle analisi spietate e rigorose con cui la Serao seppe indagare e registrare le pulsioni più contraddittorie della città di Napoli. Gurgian trova, nelle parole della Serao, similitudini con lo stato di emarginazione dei poveri e delle donne armene. Il suo Giovedì grasso dei caravanserragli si confronta col Ventre di Napoli e San Gregorio Armeno si prefigura come centro di questa confluenza tra culture lontane. Napoli non manca di delinearsi attraverso i suoni e le sue voci più tipiche. La memoria di Gurgian si affolla di questi suoni per provocarne un ultimo. Un canto di migrazione, lontananza e speranza di ritorno. Un canto armeno, ma canto di tutti, migranti e lontani sempre. Il canto della gru.

Lo spettacolo sarà preceduto da un intervento iniziale di Claudio Fanton col duduk armeno.

 

Il festival

Dessaran: in armeno, l’orizzonte, il confine di ciò che vedi.

Armenia: un centro irradiante, da cui si sono diramate tante strade del mondo.

Dopo lo straordinario successo della prima edizione, torna anche nel 2017 la settimana dedicata alla cultura armena con 7 giorni di eventi speciali – tra cui ricordiamo i concerti degli artisti internazionali Tigran Hamasyan e Hakob Khalatyan e due nuovi reading di parole, musiche e immagini ispirate all’Armenia – in cui verranno esplorati orizzonti: non limitandoci solo a quelli dell’antichissima cultura armena, ma toccando anche le tante civiltà che ad essa si sono intrecciate nei millenni della sua esistenza.

Uno scambio fruttuoso e allegro di saperi, cognizioni, suggestioni antiche e moderne: una rassegna che va dalla musica ai reportage fotografici, dai reading alle proiezioni di film, dai viaggi alla raffnata cucina.


Il programma completo del festival può essere consultato a questo indirizzo

Articoli correlati

Caterina Soffici presenta “Nessuno può ferma... Dopo i successi dello scorso anno, la Fiera delle Parole torna alle Terme per due settimane di appuntamenti letterari con grandi ospiti del panorama culturale italiano e internazionale. Molte le iniziative che animeranno piazze, teatri e strutture alberghiere e anch...
È padovana la vincitrice della XXX edizione del Pr... La padovana Emauela Canepa è la vincitrice dell'edizione 2017 del Premio Italo Calvino, il maggiore riconoscimento nazionale dedicato alle opere inedite di narrativa. "L'animale femmina" - questo il titolo del manoscritto vincitore - è stato premiato nel corso de...

AbanoRitz Spa Wellfeeling Resort Italy - Abano Terme, Padova - Via Monteortone, 19 Tel. +39 049 8633100 - Fax +39 049 667549 - Direct booking +39 049 8633444 / 5 E-mail: abanoritz@abanoritz.it - Skype address: Abanoritz

Pin It on Pinterest

Share This