Le nostre scelte alimentari influiscono sui cambiamenti climatici più di trasporti, riscaldamento e consumo di energia elettrica, ma spesso non ne siamo consapevoli. Le sole emissioni di gas serra sono generate, infatti, per il 31% dalla produzione di cibo, mentre il riscaldamento impatta per un 23,6% e i trasporti “solo” per il 18,5%. Questi i dati forniti dalla Fondazione Barilla Center for Food & Nutrinion (BCFN) in occasione della presentazione del 3° rapporto Eco-Media dal titolo “L’informazione ambientale in Italia”.

 

Agricoltura sostenibile

Bisogna ricordare che dal 1990 a oggi, le emissioni di gas serra derivanti dall’agricoltura sono aumentate del 20% e raddoppiate dal 1960. Su questo fronte, però, l’Italia appare più avanti rispetto ad altri grandi Paesi. Oggi siamo tra i primi 10 Paesi per agricoltura sostenibile – con ottime performance per la diversificazione nel settore agricolo e la gestione dei consumi idrici – e in Europa segniamo la migliore performance per emissioni di gas serra in agricoltura. Insomma, una situazione che, se da un lato appare positiva per il nostro Paese, richiede ancora grande attenzione e un impegno concreto da parte di tutti, partendo proprio da una maggiore consapevolezza delle sfide ancora da affrontare.

L’indagine è stata condotta dal Food Sustainability Index, sviluppato da The Economist Intelligence Unit per Fondazione Barilla (BCFN) e realizzato su un panel di 25 Paesi dei quali 19 del G20, che analizza i luoghi dove si mangia “davvero bene”, oltre il gusto, ossia dove l’agricoltura è più sostenibile, si spreca meno il cibo e si mangia in modo più equilibrato, senza eccessi e carenze.

 

Food Sustainability Media Award

La Fondazione Barilla ha lanciato, in collaborazione con la Fondazione Thomson Reuters, il Food Sustainability Media Award, un premio internazionale per giornalisti professionisti e talenti emergenti che vogliono far luce sui paradossi del sistema alimentare, con l’obiettivo di raccontare alcuni aspetti ancora poco discussi della sostenibilità alimentare. Il concorso è rivolto a giornalisti, bloggers, freelance e singoli che vogliono presentare i loro lavori, sia inediti che già pubblicati, legati alla sostenibilità alimentare.

Come Fondazione Barilla, insieme alla Fondazione Thomson Reuters, abbiamo sentito l’esigenza di far luce sui paradossi che interessano il sistema alimentare mondiale e provare a trovare delle soluzioni concrete. Ancora oggi, per ogni persona sottonutrita nel mondo ce ne sono due che sono obese o sovrappeso; intanto, un terzo del raccolto di cereali viene utilizzato per dare da mangiare agli animali o per il biocarburante, nonostante il problema della fame e della malnutrizione. Facendo leva sulla forza dei media, il premio si propone di focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla questione della sostenibilità alimentare, coinvolgendo un audience ampio e internazionale proprio per diffondere una nuova cultura del cibo, che vada oltre il semplice gusto”, ha spiegato Luca Di Leo, Head of Global Media Relations.

Il concorso

Il premio si dividerà in tre categorie: giornalismo scritto, video e foto. Per ogni categoria verrà premiato un lavoro inedito e uno già pubblicato.

I vincitori premiati per un lavoro già pubblicato riceveranno un premio di 10.000 euro. I vincitori che presenteranno lavori inediti riceveranno come premio un viaggio completamente spesato per partecipare ad un corso di media training sulla sostenibilità della produzione di cibo, organizzato dalla Fondazione Thomson Reuters. Inoltre, i lavori inediti dei vincitori verranno pubblicati sui siti della fondazione Thomson Reuters e della Fondazione BCFN. Gli articoli inediti selezionati verranno distribuiti attraverso l’agenzia di stampa di Reuters che conta circa un miliardo di lettori.

La giuria

Tutti i pezzi selezionati saranno valutati da una giuria d’eccellenza formata da professionisti di primo piano nel campo del giornalismo, della fotografia e delle politiche di sostenibilità alimentare. La giuria include:

  • Founder of the African Journal of Food, Agriculture, Nutrition and Development, Ruth Oniang’o
  • Founder of Food Tank, Danielle Nierenberg
  • Director of La Repubblica, Mario Calabresi
  • Thomson Reuters Foundation Climate Editor, Laurie Goering
  • Environment Correspondent at The Economist, Miranda Johnson
  • Senior Editor at National Geographic Brazil Ronaldo Ribeiro
  • Director of Partnerships, Advocacy and Capacity Development at the Food and Agriculture (FAO) Organisation of the United Nations, Marcela Villarreal
  • Director of Communications at the International Fund for Agricultural Development, Cassandra Waldon
  • Director of Global Advocacy for the Jamie Oliver Food Foundation, Olly Buston

Come partecipare

I pezzi potranno essere presentati dal 9 gennaio fino al 31 maggio 2017 e i partecipanti potranno iscriversi al contest attraverso il sito web del Food Sustainability Media Award. I lavori di tutti i finalisti saranno resi pubblici sul sito a partire dalla metà di ottobre. I vincitori di ogni categoria saranno annunciati durante l’ottavo Forum Internazionale della Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN) il 5 dicembre 2017.

Per maggiori informazioni
Fondazione Barilla Center for Food & Nutrinion
Food Sustainability Media Award

 

Articoli correlati

Insalatissime Sino a qualche anno fa, le insalatone, erano associate al concetto di dieta per via del loro basso contenuto calorico; oggi sappiamo che è possibile preparare insalatone gustose e originali, cambiando gli ingredienti di volta in volta, partendo con un letto di insalat...

AbanoRITZ Spa Wellfeeling Resort Italy - Abano Terme, Padova - Via Monteortone, 19
Tel. +39 049 8633100 - Fax +39 049 667549 - Direct booking +39 049 8633444 / 5
E-mail: abanoritz@abanoritz.it - Skype address: Abanoritz