Sonno e Salute

 

Ci siamo lasciati alle spalle marzo con la Giornata Mondiale del Sonno il 16 marzo 2018, che ha dato vita alla 2^ edizione del Progetto Sonno & Salute.
Dormire poco fa male alla salute e può incidere su alcune malattie croniche comuni: circa 4 pazienti diabetici su 5 e 2 pazienti ipertesi su 5 presentano sintomi di insonnia.

I disturbi del sonno

Insonnia e alterazione dei ritmi circadiani determinano effetti a cascata su diversi organi, con potenziali implicazioni negative su disfunzioni quali ipertensione, diabete e obesità. È quanto emerge da alcuni recenti studi che hanno dimostrato la stretta correlazione tra disturbi del sonno e patologie del sistema cardio-metabolico quali l’ipertensione arteriosa e il diabete di tipo II. Secondo gli studi, inoltre, il diabete rappresenta una delle maggiori comorbidità nei pazienti insonni e le persone affette da disturbi del sonno hanno un rischio di ipertensione arteriosa più alto del 300-500% rispetto a soggetti non insonni (indipendentemente da età, indice di massa corporea, diabete, consumo di alcool e fumo). Parlare dei disturbi del sonno con il proprio medico di famiglia è fondamentale per intervenire nel modo più appropriato.

Il Prof. Lino Nobili, Responsabile del Progetto Sonno & Salute, Segretario della European Sleep and Research Society e Responsabile del Centro di Medicina del Sonno dell’Ospedale Niguarda di Milano afferma: “Si tratta di un’ulteriore conferma dell’importante ruolo svolto dal sonno nel mantenimento di una corretta salute psico-fisica: ogni alterazione del cosiddetto orologio biologico interno, infatti, si ripercuote anche su altre funzioni fisiologiche fondamentali come i livelli ormonali, la temperatura corporea, la pressione arteriosa, il tono dell’umore e il metabolismo energetico. Associata ai disturbi del sonno, all’ipertensione e al diabete, vi è spesso una ridotta produzione di melatonina, un ormone naturale prodotto nella ghiandola pineale che regola i ritmi circadiani e il funzionamento corretto dell’orologio biologico interno nell’arco delle 24 ore. Oltre ad intervenire sul ritmo sonno-veglia, infatti la melatonina ha un’azione diretta nella regolazione del metabolismo energetico e del glucosio nell’arco delle 24-h. Inoltre, agendo sui ritmi circadiani e conseguentemente sulla pressione arteriosa, può influenzare anche il sistema cardiovascolare.”

Alla luce di queste evidenze è partita la seconda edizione del Progetto Sonno & Salute, quest’anno incentrata sulle comorbidità cardio-metaboliche dell’insonnia. Il progetto punta a sensibilizzare medici di medicina generale e specialisti (cardiologi, endocrinologi, geriatri, diabetologi, neurologi, internisti, psichiatri) sull’importanza di non sottovalutare i disturbi del sonno e favorire un corretto e tempestivo riconoscimento dei pazienti con questa tipologia di disturbi e l’adozione di un approccio diagnostico terapeutico adeguato.

Il progetto Sonno & Salute è realizzato sotto l’egida della World Sleep Society e con il supporto di AIMS, SIN, SIIA, SIMI e AMD, grazie al contributo di Fidia Farmaceutici di Abano Terme, azienda con consolidata competenza nell’ambito delle Neuroscienze e leader mondiale nell’ambito dei prodotti a base di acido ialuronico e suoi derivati, con una leadership globale nella viscosupplementazione.

Come intervenire?

Due sono le principali opzioni da mettere in campo: gli interventi sul comportamento e le terapie mediche (queste comprendono trattamenti farmacologici e la terapia PAP – ventilazione meccanica a pressione positiva delle vie respiratorie – per la cura dell’insonnia a causa di apnea notturna). “Esistono infatti numerosi metodi per correggere comportamenti scorretti che possono causare o peggiorare l’insonnia. In genere sono mirati a cambiare le abitudini, le aspettative e i comportamenti che non favoriscono il sonno nonché a ridurre i livelli di ansia relativi al sonno (“la paura di non dormire”).” dichiara ancora il Prof. Lino Nobili.

L’augurio dellAbanoRITZ è che si avveri il famoso proverbio “Aprile, dolce dormire” e se così non fosse abbiamo la fortuna e il piacere di poter condividere accorgimenti e soluzioni atti a correggere abitudini e comportamenti sbagliati per la nostra salute. La nostra missione è quella di attuare tutto quello che è in nostro potere per agevolare in questo senso la corretta gestione del sonno rivolgendoci non solo a chi fa del benessere un pilastro importante della propria vita ma soprattutto alle persone che presentano sintomi legati all’insonnia.

Ricordiamo i benefici della fango-balneoterapia contro lo stress: lo combatte, riattiva la circolazione, disintossica l’organismo e rimineralizza il corpo decontraendo la muscolatura; ancora decongestiona in profondità, stimola e ossigena sangue e tessuti, dona energia e vitalità aiutando a regolare il sonno-veglia. Tutto questo è possibile grazie alla stimolazione del metabolismo e all’attivazione degli ormoni antistress: cortisolo e beta-endorfine. I bagni termali ozonizzati sono un ottimo coadiuvante per depurare l’organismo, stimolare la circolazione e rilasciare endorfine che generano una sensazione di piacere e relax.

Il nostro centro RitzSPAce offre una vasta proposta di massaggi e oltre 40 trattamenti diversi proposti da un team di masso-fisioterapisti e specialisti del benessere per rilassare completamente il corpo e conciliare così il sonno in modo profondo.

Allenare il fisico e decomprimere le tensione con della sana attività fisica è sempre di fondamentale importanza, la nostra area Fitness propone, oltre al Programma Fit&Fun, Personal Trainer per percorsi su misura e le Easy Activities all’aria aperta.

Un giusto numero e una durata idonea di immersioni nelle nostre acque termali, suggeriti dai nostri professionisti durante un’accurata consulenza, sono disponibili con i programmi Acqua Wellness fra cui segnaliamo Aquahealing in piscina: il viaggio nelle profondità del rilassamento che permette lo scarico e lo scioglimento delle tensioni fisiche e psichiche, favorendo il ritorno alla superficie di bolle di memoria inconscia e il superamento di blocchi emotivi.

Pacchetti creati ad hoc per le specifiche esigenze sono inoltre consultabili e prenotabili all’interno dei nostri Programmi salute.

 

 

 

 

Articoli correlati

Che cos’è una Second Opinion? Second Opinion   Oggigiorno il termine Second Opinion ricorre frequentemente nel dibattito quotidiano su radio, televisioni e giornali, ma cosa si intende per Second Opinion? Il termine deriva dalla lingua inglese e indica la volontà, per un paziente, di r...
Ad Abano Terme il Convegno Internazionale Phleboso... Si svolgerà ad Abano Terme dal 13 al 16 dicembre "Phlebosophy 2017" uno dei convegni più rilevanti al mondo in materia di flebologia. Promosso dall'Istituto Flebologico Italiano in collaborazione con Società Italiana di Diagnostica Vascolare, Fondazione Italiana Vas...
Ponti e feste di fine 2017… con le offerte s... In inverno l’AbanoRITZ ha tutto quello di cui avete bisogno: il calore della sua atmosfera, la suggestione delle sue proposte, la raffinatezza dei suoi ambienti, l’accoglienza del suo staff, e il territorio interessante e ricco. Nei prossimi mesi si moltiplicano ...

Pin It on Pinterest

Share This